CLARINETTO

Il clarinetto è uno strumento secolare, eppure è così moderno! Lo abbiamo sentito in Mozart, ma anche in Benny Goodman, e dal jazz è passato tranquillamente alla musica contemporanea, rivelandosi versatile pure nella sperimentazione elettronica

Il corso vuole dare una prospettiva a tutto tondo delle sconfinate possibilità di questo legno, non prima di aver affinato le basi tecniche! Infatti è fondamentale avere una conoscenza profonda dello strumento quando ci si vuole esprimere con esso. Esistono metodi classici, metodi jazzistici e tecniche un po’ meno conosciute che ci possono portare ad avere familiarità con questo strumento. Il ventaglio delle possibilità è ampio, la voglia di insegnarle è molta. Per di più, con la giusta attenzione alle peculiarità di ciascuno studente, e alle problematiche particolari che potrebbe sperimentare durante lo studio del clarinetto.

MODALITÀ

Lezioni individuali a cadenza settimanale di 1 ora il venerdì pomeriggio.

IL CORSO

Pierluigi Fantozzi ha studiato clarinetto dall’età di otto anni con il Maestro Carmelo Mobilia presso l’Accademia Musicale di Firenze. Terminati gli studi, ha intrapreso lo studio del clarinetto jazz presso il l’Accademia Nazionale del Jazz di Siena con i maestri Mirco Mariottini e Achille Succi. All’interno del Siena Jazz ha suonato clarinetto e clarinetto basso nell’orchestra diretta dal Maestro Roberto Spadoni, in occasioni che vedevano come ospiti musicisti del calibro di David Liebman. Ha avuto l’occasione di frequentare dei seminari tenuti da Furio Di Castri, Gianluigi Trovesi. Una volta laureato, ha intrapreso gli studi magistrali al Conservatorio Martini di Bologna, dove attualmente studia.

L'INSEGNANTE

IMG_7330.jpg